Rib_08_24_10

I gay offesi a Sanremo

17 febbraio 2012
Sanremo manda in onda l’elenco più retrivo degli stereotipi sugli omosessuali e non risparmia neanche le donne. Le associazioni gay insorgono in coro, tanto più che si trovano riunite per un appuntamento d’eccezione: l’incontro voluto dall’ Ufficio nazionale antidiscriminazioni tra i rappresentanti del Consiglio di Europa e alcuni esponenti del governo italiano per avviare  azioni di contrasto a omofobia e transfobia, visto che l’Italia ne ha tanto bisogno.  Dopo l’intervento del ministro Elsa Fornero, che promette “strumenti normativi e interventi educativi fin dalla primissima infanzia” e che dichiara: “non ho visto Sanremo”,   i rappresentanti delle associazioni chiamati a intervenire non si trattengono. Troppa l’indignazione per la serata sanremese. Tra le frasi incriminate: “Un omosessuale è una donna senza flusso mestruale”. Un colpo sparato dal duo dei “soliti idioti” Francesco Mandelli e Fabrizio Bigio che contiene due offese in una: verso i gay, considerati dal pregiudizio “maschi mancati”, e verso le donne in menopausa, viste come ormai fuori uso, sottolinea con forza  Rita De Santis, alla testa di Agedo, associazione di genitori di omosessuali.  “Mi terrorizza l’idea che questo video sia tra i più cliccati in Youtube dai ragazzi”, aggiunge. Lo sketch già noto nel web diventa la presunta novità gay della seconda serata che mostra alcuni siparietti di scarso livello raggiungendo il top con il duo “idiota”: un ridicolo individuo vestito di arancione   in coppia con un altro talmente vanesio da rispondere a qualunque domanda “non lo so”. Dinanzi a loro  Gianni Morandi che alla fine viene baciato dall’arancione, a rimarcare lo stereotipo del gay sempre pronto a saltare addosso al maschio etero. “La satira si fa sulle opinioni e non sulla condizione o sulla identità delle persone – sottolinea Paolo Patanè, presidente di Arcigay – mentre i rappresentanti delle nostre istituzioni non hanno il coraggio di pronunciare le parole gay e lesbica, arrivano offese da una trasmissione iperpopolare. Non si può alzare l’audience sulla pelle della gente”. Critici gli avvocati della rete Lenford con Antonio Rotelli: “Se fossero state prese in giro persone di colore, ci sarebbe stata la percezione della discriminazione in atto”. Non a caso il Consiglio di Europa bacchetta l’Italia perché ancora troppo omofoba. La riprova è che, seppur mediocre, il siparietto contro gli snob razzisti ha avuto l’inequivocabile sapore della denuncia. A ferire è l’amplificazione del messaggio: “è una solita idiozia, se gira nel web fa poco danno, ma sul palco di Sanremo cambia senso e lievita. Una scelta di scarsa cultura e intelligenza”, sottolinea Rossana Praitano, presidente del Mario Mieli. Unanime il giudizio sul livello pessimo: “Non è stato solo orripilante, ma fuori luogo, le questioni di orientamento sessuale vanno maneggiate con cura, invece l’effetto è stato incomprensibile – dichiara Gigliola Toniollo, alla testa della Cgil Nuovi diritti – Se volevano essere dissacratori sono riusciti a dare il messaggio opposto”. Ivan Scalfarotto, alla testa di Parks, allerta sulla pericolosità: “Il duo è popolare tra i ragazzi delle scuole per i quali prendere in giro così gli omosessuali vuol dire essere vincenti. Hanno veicolato tutti i pregiudizi sui gay, come se avessero detto che “gli ebrei sono avari e hanno il naso adunco” o che “i negri puzzano”, ma la gente non si è indignata perché sulle persone omosessuali non c’è ancora la stessa sensibilità diffusa. Non è stata satira, ma solo offesa”.  Per Arcigay e Agedo, già autori di una lettera alla commissione di vigilanza Rai, la misura è colma: chiedono le scuse.
Ultimi Post
  • Nozze gay, la carica dei giuristi
    16 aprile 2014

    Dopo le nozze trascritte a Grosseto si annunciano nuove iniziative delle coppie gay che potrebbero portare a una nuova sentenza della Corte Costituzionale decisiva. Esattamente quattro anni fa la Consulta emetteva una sentenza sulle unioni omosessuali, la 138. Pur non accogliendo le richieste dei partner omosessuali di sposarsi, invitava il Parlamento a legiferare per riconoscere [...]

  • Parità? La bussola del Miur
    11 aprile 2014

    Che strumenti ha la scuola per sostenere gli allievi nel percorso di costruzione di sé, orientamento sessuale compreso? Se il governo appena nato promette di conferirle importanza fondamentale, tant’è che il neopremier ha annunciato che visiterà un istituto a settimana, vediamo nel dettaglio alcuni sostegni offerti finora per contrastare pregiudizi e omofobia. Il Miur ha [...]

  • Lovesmakesafamily, convegno a Roma
    9 aprile 2014

    “La mia amica del cuore, Alessia, una volta mi ha detto: “Ma sai quanto me ne importa che hai 2 mamme?” allora io mi sono sentita più felice che per lei non ha importanza questa particolarità!”: Lisa ha 11 anni, è una “bimba miracolo” che deve rispondere “scocciata” alle “solite stupide domande”. Le sue mamme [...]

Archivio
Tag
A agedo Alessandro Zanella angela infante anna freud Anna Maria Ortese antropologia Arcilesbica carabinieri Corpi celesti Corpo celeste curare diritti umani discriminazioni fabrizio marrazzo famiglie figli Fornero freud gay gay help line gay lesbiche etero good as you Mariano Lamberti Gussago Ileana Aiese Cigliano la stella lei lo sa lesbica lesbiche Marina Bindella nozze Obama omofobia omosessuali Onu paolo rigliano Patrizia Cavalli Perry Polis Aperta pregiudizi psicanalisi roberta calandra senza tetto spider man suicidio trans transgender trans teatro pregiudizi lgbt Unar Usa Valerio Magrelli violenza